Creare un bosco anti inquinamento

Domande, consigli: tutto ciò che non trova spazio negli altri forum.
Rispondi
bob970
Messaggi: 1
Iscritto il: 29 nov 2021, 10:18
Nome: ROBERTO
Cognome: MALGAROTTO
Residenza(Prov): Venezia (VE)

Creare un bosco anti inquinamento

Messaggio da bob970 »

Salve,
con i miei figli avremmo l'intenzione di creare un piccolo bosco per contribuire nel nostro piccolo a combattere l'inquinamento.
Purtroppo siamo completamente a digiuno di qualsiasi conoscenza e competenza necessaria.
Quindi vi chiedo se l'impresa è comunque fattibile o se siete a conoscenza di associazioni a cui potremmo affidarci per portare a temine il nostro progetto.

Ringrazio anticipatamente chi riuscirà a darmi qualche indicazione.

Buona giornata.

Roberto.
Avatar utente
maria grazia
Moderatore
Messaggi: 2581
Iscritto il: 25 mar 2008, 12:19
Nome: Maria Grazia
Cognome: Lobba
Residenza(Prov): Ciampino (RM)
Località: ciampino
Contatta:

Re: Creare un bosco anti inquinamento

Messaggio da maria grazia »

Avatar utente
PIERA
Moderatore
Messaggi: 333
Iscritto il: 06 giu 2012, 09:30
Nome: Piera
Cognome: Pellizzer
Residenza(Prov): Dolo (VE)

Re: Creare un bosco anti inquinamento

Messaggio da PIERA »

Buonasera Roberto,
Non molto lontano da Venezia, a Legnaro PD, c'è Veneto Agricoltura, potresti chiedere delle info a loro, sono molto disponibili.
https://www.venetoagricoltura.org/

:bye: Piera
Avatar utente
rededivad
Amministratore
Messaggi: 8118
Iscritto il: 24 apr 2008, 10:05
Nome: Davide
Cognome: Tomasi
Residenza(Prov): Cornedo Vicentino (VI)
Località: Cornedo Vicentino (VI)

Re: Creare un bosco anti inquinamento

Messaggio da rededivad »

E' sempre una bella cosa, sia per l'ambiente sia per chi la realizza e da la possibilità di osservare e imparare un sacco di cose.
E' anche uno dei miei grandi sogni, avere un appezzamento di terreno in pianura, precedentemente coltivato, è guidarlo verso la creazione di un bosco studiandone le dinamiche.
Chissà mai se riuscirò a realizzarlo...
Come consiglio generale posso dirti che non bisogna avere fretta e seguire i tempi della natura.
Il che vuol dire:
- piantare nelle stagioni adatte, nella pianura Veneta tra ottobre e novembre;
- piantare esemplari delle dimensioni corrette. Come detto dal nostro amato Franco, vedi link, è controproducente impiantare esemplari grandi perchè soffrono molto e spesso muoiono, meglio puntare su esemplari giovani e favorire quello che di autoctono tende a crescere spontaneamente;
- piantare specie adatte alla condizioni ecologiche e ambientali e autoctone e contenere/eliminare per quanto possibile le specie esotiche, in particolare quelle invasive, sia arboree (robinia, ailanto, acero americano, ecc.) che quelle erbacee;
- tenere in considerazioni anche le esigenze della fauna, scegliendo, per quanto possibile di fornire cibo a molteplici specie nel corso dell'anno grazie a diverse specie di alberi, arbusti e anche erbe, che fioriscono e fruttificano in periodi diversi;
- ricordarsi che un boschetto è fstto dagli alberi, ma anche da arbusti ed erbe, con le rispettive dinamiche ecologiche;
- avere pazienza, osservare, imparare e divertirsi.
"Meravigliarsi di tutto è il primo passo della ragione verso la scoperta" L. Pasteur
"A compiacersi del semplice ci vuole un'anima grande” A. Graf
La gioia nell'osservare e nel comprendere è il dono più bello della natura” A. Einstein
Rispondi

Torna a “Varie di botanica”