Massi erratici del Triangolo Lariano

Cartografia, Paleontologia, Mineralogia, Petrologia, Meteorologia, Climatologia...
Avatar utente
Servodio
Amministratore
Messaggi: 3226
Iscritto il: 28 mag 2011, 21:21
Nome: Sergio
Cognome: Servodio
Residenza(Prov): Milano (MI)
Località: Milano e Canzo (CO)

Massi erratici del Triangolo Lariano

Messaggio da Servodio » 27 lug 2014, 16:32

Nel girovagare per i sentieri del “Triangolo Lariano” ho fotografato a più riprese alcuni dei più caratteristici “massi erratici” (chiamati anche “Trovanti”) che, con gran frequenza, si incontrano in questi luoghi.

Giusto per ricordare di cosa si tratta (ma sono certo che in Acta plantarum non trovo nessuno impreparato … anzi!), accenno solo al fatto che questi enormi macigni sono stati strappati dalle valli alpine a nord del Lario e trasportati nel loro incedere verso sud dai ghiacciai, che hanno parzialmente ricoperto questi monti, in quattro successive ondate di glaciazioni (l’ultima, quella di Wurm, verificatasi da circa 110.000 a 12.000 anni fa) e in seguito abbandonati sul posto al ritirarsi dei ghiacci.

Riporto una impareggiabile descrizione fatta da Antonio Stoppani in “Valassina e il territorio di Lecco”:

<<Portatevi a Valmadrera e già sul dorso dei colli, sui fianchi dei monti, sui margini dei laghi, sui cigli dei precipizi più paurosi, dappertutto, dico, vedrete o solitari, o in gruppi fantastici, o allineati in modo mostruoso, falangi, pezzi enormi di graniti, di porfidi, di serpentini, di rocce alpine di ogni genere, evidentemente divelti dai monti lontani, portati più giù a centinaia di miglia di distanza e posti a giacere così rudi ed informi, ove possono meglio stupirci>>

Tengo a precisare che la sequenza che propongo non è certo esaustiva, tanti ce ne sono!

Subito un grande masso “anonimo” di serpentino, probabilmente proveniente dalla Val Malenco come la maggior parte di queste rocce:

Canzo - loc. Gajum (CO), 500 m, feb 2014
Foto di Sergio Servodio
Allegati
01 - Masso erratico a Gajum (1).JPG
01 - Masso erratico a Gajum (1).JPG (174.46 KiB) Visto 4056 volte
01 - Masso erratico a Gajum (2).JPG
01 - Masso erratico a Gajum (2).JPG (183.66 KiB) Visto 4056 volte
"Carpe diem, quam minimum credula postero." Orazio
"Quel cielo di Lombardia così bello quand'è bello, così splendido, così in pace." A.Manzoni
https://www.actaplantarum.org/florule/f ... e.php?f=14

Avatar utente
Servodio
Amministratore
Messaggi: 3226
Iscritto il: 28 mag 2011, 21:21
Nome: Sergio
Cognome: Servodio
Residenza(Prov): Milano (MI)
Località: Milano e Canzo (CO)

Re: Massi erratici del Triangolo Lariano

Messaggio da Servodio » 27 lug 2014, 16:33

Altro enorme macigno la cui composizione è così specificata da un pannello che lo affianca: serpentino, magnetite e serpentino fibroso (amianto di crisòtilo).
E’ stato inoltre qualificato come “il più grande della Val Ravella”:

Canzo – loc. San Miro (CO), 590 m, feb 2014
Foto di Sergio Servodio
Allegati
02 - Masso erratico più grande della Val Ravella (1).JPG
02 - Masso erratico più grande della Val Ravella (1).JPG (175.65 KiB) Visto 4055 volte
02 - Masso erratico più grande della Val Ravella (2).JPG
02 - Masso erratico più grande della Val Ravella (2).JPG (195.29 KiB) Visto 4055 volte
"Carpe diem, quam minimum credula postero." Orazio
"Quel cielo di Lombardia così bello quand'è bello, così splendido, così in pace." A.Manzoni
https://www.actaplantarum.org/florule/f ... e.php?f=14

Avatar utente
Servodio
Amministratore
Messaggi: 3226
Iscritto il: 28 mag 2011, 21:21
Nome: Sergio
Cognome: Servodio
Residenza(Prov): Milano (MI)
Località: Milano e Canzo (CO)

Re: Massi erratici del Triangolo Lariano

Messaggio da Servodio » 27 lug 2014, 16:33

I Trovanti di serpentino una volta venivano tagliati a mano per ricavarne materiale pregiato a scopo edilizio, sia con una tecnica che prevedeva di inserire in piccoli fori allineati dei cunei che poi venivano percossi con grandi mazze fino a spaccare in due i massi, sia con il metodo del filo di acciaio utilizzato a mo’ di sega da due uomini con l’ausilio di acqua e sabbia per agevolare il taglio.
Qui alcuni massi tagliati ed abbandonati:

Canzo – strada per San Miro (CO), 570 m, feb 2014
Foto di Sergio Servodio
Allegati
03 - Massi tagliati (1).JPG
03 - Massi tagliati (1).JPG (173.27 KiB) Visto 4055 volte
03 - Massi tagliati (2).JPG
03 - Massi tagliati (2).JPG (160.13 KiB) Visto 4055 volte
"Carpe diem, quam minimum credula postero." Orazio
"Quel cielo di Lombardia così bello quand'è bello, così splendido, così in pace." A.Manzoni
https://www.actaplantarum.org/florule/f ... e.php?f=14

Avatar utente
Servodio
Amministratore
Messaggi: 3226
Iscritto il: 28 mag 2011, 21:21
Nome: Sergio
Cognome: Servodio
Residenza(Prov): Milano (MI)
Località: Milano e Canzo (CO)

Re: Massi erratici del Triangolo Lariano

Messaggio da Servodio » 27 lug 2014, 16:34

Ancora dei massi tagliati. Nella seconda foto un enorme macigno sopra Valmadrera che richiese sforzi titanici sia per il taglio, sia per il successivo trasporto con carro e buoi su terreno sconnesso e con risultato finale insoddisfacente in quanto la pietra si rivelò troppo fessurata:

Canzo – strada per San Miro (CO), 570 m, feb 2014
Foto di Sergio Servodio
e
Valmadrera – Val Molinata (LC), 600 m, apr 2013
Foto di Sergio Servodio
Allegati
04 - Massi tagliati (3).JPG
04 - Massi tagliati (3).JPG (167.34 KiB) Visto 4055 volte
04 - Massi tagliati Val Molinatai (4).JPG
04 - Massi tagliati Val Molinatai (4).JPG (175.87 KiB) Visto 4055 volte
"Carpe diem, quam minimum credula postero." Orazio
"Quel cielo di Lombardia così bello quand'è bello, così splendido, così in pace." A.Manzoni
https://www.actaplantarum.org/florule/f ... e.php?f=14

Avatar utente
Servodio
Amministratore
Messaggi: 3226
Iscritto il: 28 mag 2011, 21:21
Nome: Sergio
Cognome: Servodio
Residenza(Prov): Milano (MI)
Località: Milano e Canzo (CO)

Re: Massi erratici del Triangolo Lariano

Messaggio da Servodio » 27 lug 2014, 16:35

Particolare interesse rivestono i cosiddetti “Massi avelli”, in pratica delle tombe scavate direttamente dentro un masso erratico (tra l’altro lasciandone intatta la parte eccedente lo scavo), si tratta di reperti di difficile datazione (si ritiene V e VI secolo dopo Cristo). Di seguito un esempio:

Torno (CO), 300 m, giu 2014
Foto di Sergio Servodio
Allegati
05 - Masso avello (1).JPG
05 - Masso avello (1).JPG (164.01 KiB) Visto 4055 volte
05 - Masso avello (2).JPG
05 - Masso avello (2).JPG (168.31 KiB) Visto 4055 volte
"Carpe diem, quam minimum credula postero." Orazio
"Quel cielo di Lombardia così bello quand'è bello, così splendido, così in pace." A.Manzoni
https://www.actaplantarum.org/florule/f ... e.php?f=14

Avatar utente
Servodio
Amministratore
Messaggi: 3226
Iscritto il: 28 mag 2011, 21:21
Nome: Sergio
Cognome: Servodio
Residenza(Prov): Milano (MI)
Località: Milano e Canzo (CO)

Re: Massi erratici del Triangolo Lariano

Messaggio da Servodio » 27 lug 2014, 16:36

Il più grande masso erratico dell’areale, ma si ritiene lo sia di tutta la Lombardia, è la “Pietra Lentina”, un granito ghiandone di circa 1500 mc, del peso di almeno 6000 tonnellate e dalle dimensioni di 30x10x9 metri:

Bellagio – Piano Rancio (CO), 950 m, mar 2014
Foto di Sergio Servodio
Allegati
06 - Pietra Lentina (1).JPG
06 - Pietra Lentina (1).JPG (142.59 KiB) Visto 4054 volte
06 - Pietra Lentina (2).JPG
06 - Pietra Lentina (2).JPG (122.75 KiB) Visto 4054 volte
"Carpe diem, quam minimum credula postero." Orazio
"Quel cielo di Lombardia così bello quand'è bello, così splendido, così in pace." A.Manzoni
https://www.actaplantarum.org/florule/f ... e.php?f=14

Avatar utente
Servodio
Amministratore
Messaggi: 3226
Iscritto il: 28 mag 2011, 21:21
Nome: Sergio
Cognome: Servodio
Residenza(Prov): Milano (MI)
Località: Milano e Canzo (CO)

Re: Massi erratici del Triangolo Lariano

Messaggio da Servodio » 27 lug 2014, 16:37

Molto particolare è la “Pietra Luna”, macigno a forma piramidale di gneiss, proveniente probabilmente dalla lontana zona del passo dello Stelvio e per un certo tempo scambiato persino per un meteorite, su cui sono incise le lettere P.L.D.B. (Pietra Luna di Bellagio) e la data del 1782 che ricorda la fine di controversie tra la popolazione di Bellagio e quella di Magreglio:

Bellagio – Piano Rancio (CO), 960 m, lug 2014
Foto di Sergio Servodio
Allegati
07 - Pietra Luna (1).JPG
07 - Pietra Luna (1).JPG (193.27 KiB) Visto 4054 volte
07 - Pietra Luna (2).JPG
07 - Pietra Luna (2).JPG (142.58 KiB) Visto 4054 volte
"Carpe diem, quam minimum credula postero." Orazio
"Quel cielo di Lombardia così bello quand'è bello, così splendido, così in pace." A.Manzoni
https://www.actaplantarum.org/florule/f ... e.php?f=14

Avatar utente
Servodio
Amministratore
Messaggi: 3226
Iscritto il: 28 mag 2011, 21:21
Nome: Sergio
Cognome: Servodio
Residenza(Prov): Milano (MI)
Località: Milano e Canzo (CO)

Re: Massi erratici del Triangolo Lariano

Messaggio da Servodio » 27 lug 2014, 16:38

Visto che c’era la Pietra Luna non poteva mancare la “Pietra Sole”, su cui qualche buontempone ha pensato bene di scolpire una scalinata:

Bellagio – Piano Rancio (CO), 960 m, lug 2014
Foto di Sergio Servodio
Allegati
08 - Pietra Sole (1).JPG
08 - Pietra Sole (1).JPG (175.62 KiB) Visto 4054 volte
08 - Pietra Sole (2).JPG
08 - Pietra Sole (2).JPG (176.9 KiB) Visto 4054 volte
"Carpe diem, quam minimum credula postero." Orazio
"Quel cielo di Lombardia così bello quand'è bello, così splendido, così in pace." A.Manzoni
https://www.actaplantarum.org/florule/f ... e.php?f=14

Avatar utente
Servodio
Amministratore
Messaggi: 3226
Iscritto il: 28 mag 2011, 21:21
Nome: Sergio
Cognome: Servodio
Residenza(Prov): Milano (MI)
Località: Milano e Canzo (CO)

Re: Massi erratici del Triangolo Lariano

Messaggio da Servodio » 27 lug 2014, 16:38

Uno dei più curiosi Trovanti è senza dubbio la “Pietra Pendula” di Montepiatto, altro granito ghiandone che poggia in precario equilibrio su roccia locale (non da escludere un remoto intervento umano):

Torno – Montepiatto (CO), 610 m, giu 2014
Foto di Sergio Servodio
Allegati
09 - Pietra Pendula (1).JPG
09 - Pietra Pendula (1).JPG (178.73 KiB) Visto 4054 volte
09 - Pietra Pendula (2).JPG
09 - Pietra Pendula (2).JPG (187.92 KiB) Visto 4054 volte
"Carpe diem, quam minimum credula postero." Orazio
"Quel cielo di Lombardia così bello quand'è bello, così splendido, così in pace." A.Manzoni
https://www.actaplantarum.org/florule/f ... e.php?f=14

Avatar utente
Servodio
Amministratore
Messaggi: 3226
Iscritto il: 28 mag 2011, 21:21
Nome: Sergio
Cognome: Servodio
Residenza(Prov): Milano (MI)
Località: Milano e Canzo (CO)

Re: Massi erratici del Triangolo Lariano

Messaggio da Servodio » 27 lug 2014, 16:39

Il “Sasso di Preguda” fa da contraltare alla piccola chiesetta dedicata a Sant’Isidoro ove Stoppani vi compose un poemetto:

Valmadrera – loc. Preguda (LC), 650 m, set 2012
Foto di Sergio Servodio
Allegati
10 - Sasso di Preguda (1).JPG
10 - Sasso di Preguda (1).JPG (179.73 KiB) Visto 4054 volte
10 - Sasso di Preguda (2).JPG
10 - Sasso di Preguda (2).JPG (157.65 KiB) Visto 4054 volte
"Carpe diem, quam minimum credula postero." Orazio
"Quel cielo di Lombardia così bello quand'è bello, così splendido, così in pace." A.Manzoni
https://www.actaplantarum.org/florule/f ... e.php?f=14

Avatar utente
Servodio
Amministratore
Messaggi: 3226
Iscritto il: 28 mag 2011, 21:21
Nome: Sergio
Cognome: Servodio
Residenza(Prov): Milano (MI)
Località: Milano e Canzo (CO)

Re: Massi erratici del Triangolo Lariano

Messaggio da Servodio » 27 lug 2014, 16:40

Ad imitazione del Sasso di Preguda, poco lontano si è pensato di edificare questa abitazione completamente addossata ad un grande masso erratico:

Valmadrera – loc. Preguda (LC), 500 m, ago 2013
Foto di Sergio Servodio
Allegati
11 - Masso e casa a Valmadrera (1).JPG
11 - Masso e casa a Valmadrera (1).JPG (198.57 KiB) Visto 4054 volte
11 - Masso e casa a Valmadrera (2).JPG
11 - Masso e casa a Valmadrera (2).JPG (158.16 KiB) Visto 4054 volte
"Carpe diem, quam minimum credula postero." Orazio
"Quel cielo di Lombardia così bello quand'è bello, così splendido, così in pace." A.Manzoni
https://www.actaplantarum.org/florule/f ... e.php?f=14

Avatar utente
Servodio
Amministratore
Messaggi: 3226
Iscritto il: 28 mag 2011, 21:21
Nome: Sergio
Cognome: Servodio
Residenza(Prov): Milano (MI)
Località: Milano e Canzo (CO)

Re: Massi erratici del Triangolo Lariano

Messaggio da Servodio » 27 lug 2014, 16:41

Nella prima foto un utilizzo più pastorale di un grande Trovante inclinato e nella successiva un altro importante masso erratico, il “Sass Neghèr” formato da rocce di serpentino annerite dalle intemperie ed in parte demolito per ricavarne il solito materiale per costruzioni:

Valmadrera – Val Molinata (LC), 600 m, apr 2013
Foto di Sergio Servodio
e
Valmadrera – loc. Trebbia (LC), 500 m, apr 2013
Foto di Sergio Servodio
Allegati
12 - Erratico Molinata.JPG
12 - Erratico Molinata.JPG (179.81 KiB) Visto 4054 volte
12 - Sass Negher (1).JPG
12 - Sass Negher (1).JPG (190.24 KiB) Visto 4054 volte
"Carpe diem, quam minimum credula postero." Orazio
"Quel cielo di Lombardia così bello quand'è bello, così splendido, così in pace." A.Manzoni
https://www.actaplantarum.org/florule/f ... e.php?f=14

Avatar utente
Servodio
Amministratore
Messaggi: 3226
Iscritto il: 28 mag 2011, 21:21
Nome: Sergio
Cognome: Servodio
Residenza(Prov): Milano (MI)
Località: Milano e Canzo (CO)

Re: Massi erratici del Triangolo Lariano

Messaggio da Servodio » 27 lug 2014, 16:42

Per concludere il “Sass de la Prèa” grande roccia granitica abbandonata dai ghiacci, non si sa come senza che se ne rotolasse via, direttamente sul crinale del monte Cresta di Cranno:

Canzo – Cresta di Cranno (CO), 740 m, dic 2013
Foto di Sergio Servodio

Sergio :bye:
Allegati
13 - Sass de la Prea (1).JPG
13 - Sass de la Prea (1).JPG (172.64 KiB) Visto 4054 volte
13 - Sass de la Prea (2).JPG
13 - Sass de la Prea (2).JPG (164.51 KiB) Visto 4054 volte
"Carpe diem, quam minimum credula postero." Orazio
"Quel cielo di Lombardia così bello quand'è bello, così splendido, così in pace." A.Manzoni
https://www.actaplantarum.org/florule/f ... e.php?f=14

Avatar utente
rededivad
Amministratore
Messaggi: 7897
Iscritto il: 24 apr 2008, 10:05
Nome: Davide
Cognome: Tomasi
Residenza(Prov): Cornedo Vicentino (VI)
Località: Cornedo Vicentino (VI)

Re: Massi erratici del Triangolo Lariano

Messaggio da rededivad » 27 lug 2014, 17:09

Molto interessante questo itinerario geologico!
:applauso:
"Meravigliarsi di tutto è il primo passo della ragione verso la scoperta." Louis Pasteur
"A compiacersi del semplice ci vuole un'anima grande.” Arturo Graf

Avatar utente
vito50
Moderatore
Messaggi: 9051
Iscritto il: 20 ott 2010, 16:26
Nome: Vito
Cognome: Buono
Residenza(Prov): Bari (BA)

Re: Massi erratici del Triangolo Lariano

Messaggio da vito50 » 27 lug 2014, 19:53

:applauso: :applauso: :applauso: Bellissimo!
:bye: Vito

Vittorio Bica
Messaggi: 925
Iscritto il: 16 nov 2011, 07:24
Nome: Vittorio
Cognome: Bica
Residenza(Prov): Milano (MI)

Re: Massi erratici del Triangolo Lariano

Messaggio da Vittorio Bica » 27 lug 2014, 20:27

Ottimo! :applauso: :applauso: :applauso:

:bye:
Aimez ce que jamais on ne verra deux fois.
- Alfred Victor de Vigny -

Avatar utente
Servodio
Amministratore
Messaggi: 3226
Iscritto il: 28 mag 2011, 21:21
Nome: Sergio
Cognome: Servodio
Residenza(Prov): Milano (MI)
Località: Milano e Canzo (CO)

Re: Massi erratici del Triangolo Lariano

Messaggio da Servodio » 27 lug 2014, 20:37

Grazie Davide, Vito e Vittorio.

Sergio :bye:
"Carpe diem, quam minimum credula postero." Orazio
"Quel cielo di Lombardia così bello quand'è bello, così splendido, così in pace." A.Manzoni
https://www.actaplantarum.org/florule/f ... e.php?f=14

Avatar utente
etguarna
Messaggi: 1094
Iscritto il: 02 ago 2012, 11:22
Nome: Ettore
Cognome: Guarnaroli
Residenza(Prov): Galbiate (LC)

Re: Massi erratici del Triangolo Lariano

Messaggio da etguarna » 27 lug 2014, 21:46

Anche da un locale che questi "trovanti" li conosce bene (non tutti) i complimenti per il portfolio fotografico e le curiosità che ci racconti.
A me questi massi fanno sempre immaginare il paesaggio di quelle ere: un mare di ghiaccio dal cui emergevano come isole le cime dei nostri monti. Senza considerare la profondità del lago di Como il ghiaccio aveva uno spessore che raggiungeva anche i 500-700 m,
Bravo Sergio. :applauso: :applauso: :applauso:
:bye: Ettore

Avatar utente
Servodio
Amministratore
Messaggi: 3226
Iscritto il: 28 mag 2011, 21:21
Nome: Sergio
Cognome: Servodio
Residenza(Prov): Milano (MI)
Località: Milano e Canzo (CO)

Re: Massi erratici del Triangolo Lariano

Messaggio da Servodio » 27 lug 2014, 21:56

Grazie Ettore, è stato un divertimento andare a "caccia" di queste rocce che, anche nel mio caso, mi hanno sempre affascinato!

Sergio :bye:
"Carpe diem, quam minimum credula postero." Orazio
"Quel cielo di Lombardia così bello quand'è bello, così splendido, così in pace." A.Manzoni
https://www.actaplantarum.org/florule/f ... e.php?f=14

Avatar utente
gianleonardo
Moderatore
Messaggi: 3158
Iscritto il: 08 set 2011, 21:51
Nome: Gianleonardo
Cognome: Allasia
Residenza(Prov): Roma (RM)

Re: Massi erratici del Triangolo Lariano

Messaggio da gianleonardo » 27 lug 2014, 23:09

Molto interessante, Sergio, un itinerario insolito tra grandi frammenti della nostra Terra, che ci aiuta a ricordare quanto è "piccola" la nostra presenza su questo pianeta.
Grazie e :applauso: :applauso: :applauso:

Un :bye: da Gianleonardo

Avatar utente
Servodio
Amministratore
Messaggi: 3226
Iscritto il: 28 mag 2011, 21:21
Nome: Sergio
Cognome: Servodio
Residenza(Prov): Milano (MI)
Località: Milano e Canzo (CO)

Re: Massi erratici del Triangolo Lariano

Messaggio da Servodio » 28 lug 2014, 09:14

Grazie a te Gianleonardo.

Sergio :bye:
"Carpe diem, quam minimum credula postero." Orazio
"Quel cielo di Lombardia così bello quand'è bello, così splendido, così in pace." A.Manzoni
https://www.actaplantarum.org/florule/f ... e.php?f=14

bruma
Messaggi: 2347
Iscritto il: 19 mag 2010, 18:21
Nome: Vincenzo
Cognome: Volonterio
Residenza(Prov): Sorisole (BG)

Re: Massi erratici del Triangolo Lariano

Messaggio da bruma » 29 lug 2014, 07:21

:applauso: :applauso: :applauso:
Bellissimo reportage!

Anch'io, frequentando più o meno le stesse zone, incontro spesso i massi erratici, ma il tuo racconto li rende ancor più affascinanti! :D

:bye:
Vincenzo

Avatar utente
AleAle
Messaggi: 8343
Iscritto il: 28 feb 2008, 00:05
Nome: Alessandro
Cognome: Alessandrini
Residenza(Prov): Bologna (BO)

Re: Massi erratici del Triangolo Lariano

Messaggio da AleAle » 29 lug 2014, 07:27

Bravo davvero!
Ha vuto modo di vedere con quale larghezza questo tema è sviluppato in ambiente alpino e prealpino.
Non sapevo che venissero anche utilizzati come cave o addirittura come sepolture...
Notevole la noncuranza con cui sorreggi quel masso, che sembra piuttosto pesante.
:-)
Ale

Avatar utente
Servodio
Amministratore
Messaggi: 3226
Iscritto il: 28 mag 2011, 21:21
Nome: Sergio
Cognome: Servodio
Residenza(Prov): Milano (MI)
Località: Milano e Canzo (CO)

Re: Massi erratici del Triangolo Lariano

Messaggio da Servodio » 29 lug 2014, 10:02

Grazie anche a Vincenzo e ad Ale.


Sergio :bye:
"Carpe diem, quam minimum credula postero." Orazio
"Quel cielo di Lombardia così bello quand'è bello, così splendido, così in pace." A.Manzoni
https://www.actaplantarum.org/florule/f ... e.php?f=14

Avatar utente
F. Fen.
Moderatore
Messaggi: 14327
Iscritto il: 04 feb 2008, 20:44
Nome: Franco
Cognome: Fenaroli
Residenza(Prov): Brescia (BS)
Località: Brescia

Re: Massi erratici del Triangolo Lariano

Messaggio da F. Fen. » 04 ago 2014, 09:00

Bella storia, letta tutta d'un fiato :applauso: :applauso: :applauso:
:bye: franco
La teoria del tutto, ovvero perché l'universo esiste: se trovassimo la risposta decreteremmo il definitivo trionfo della ragione umana poiché allora conosceremmo il pensiero stesso di Dio.
Stephen W. Hawking

Rispondi

Torna a “Scienze della Terra”