Gentiana acaulis L. {ID 3462}

Contributi sulla flora italiana pubblicati in Actaplantarum (sola lettura)
Regole del forum
I messaggi di questo forum costituiscono una preziosa documentazione della presenza allo stato spontaneo della flora italiana ordinata in base alla data del rinvenimento, sequenza che verrebbe alterata da qualsiasi intervento successivo, ammissibile SOLO in caso di errori nella determinazione. Per segnalare errori inviate un messaggio nel forum "Correzioni e modifiche ad Archivio floristico" ricopiando il Topic_id che trovate in cima a ogni topic dell'Archivio
Rispondi
Topic_id: 112058
Avatar utente
myriam traini
Messaggi: 2043
Iscritto il: 22 giu 2011, 16:43
Nome: Myriam
Cognome: Traini
Residenza(Prov): Bergamo (BG)

Gentiana acaulis L. {ID 3462}

Messaggio da myriam traini » 13 feb 2020, 19:43

Gentianaceae: Genziana di Koch, Genziana acaule
Entracques (CN), 1100 m, lug 1998
Foto di Myriam Traini

Avrei bisogno di un parere su questo campione dell'Erbario FAB, che stiamo rivedendo prima della digitalizzazione che effettueranno tecnici della Regione Lombardia. Abbiamo alcuni campioni di zone diverse dalla nostra; in particolare questo riporta: probabile Gentiana kochiana ssp.ligustica (allora non aveva ancora il rango di specie). Io spero che qualche esperto del territorio (penso a Daniela, Jacques, Umberto) riesca a confermare o modificare la determinazione sulla base di questa unica immagine (che mi accorgo ora essere sfuocata- potrei rifotografarla).
:bye: Myriam
Allegati
gentiana.jpg
gentiana.jpg (78.04 KiB) Visto 467 volte
gentiana-1-.jpg
gentiana-1-.jpg (57.72 KiB) Visto 467 volte
Ultima modifica di myriam traini il 01 gen 1970, 02:00, modificato 0 volte in totale.
Motivazione: {Italia - 1 - 31 - 0}
Nomina si nescis perit et cognitio rerum (L.)

Avatar utente
F. Fen.
Moderatore
Messaggi: 14027
Iscritto il: 04 feb 2008, 20:44
Nome: Franco
Cognome: Fenaroli
Residenza(Prov): Brescia (BS)
Località: Brescia

Re: Gentiana acaulis L.

Messaggio da F. Fen. » 13 feb 2020, 21:26

Non si vede molto bene il calice ma credo (ravanando in ricordi molto datati) che la det. sia corretta.
:bye: franco
La teoria del tutto, ovvero perché l'universo esiste: se trovassimo la risposta decreteremmo il definitivo trionfo della ragione umana poiché allora conosceremmo il pensiero stesso di Dio.
Stephen W. Hawking

Avatar utente
Stevene
Messaggi: 836
Iscritto il: 07 dic 2007, 12:09
Nome: Stefano
Cognome: Marsili
Residenza(Prov): Genova (GE)

Re: Gentiana acaulis L.

Messaggio da Stevene » 13 feb 2020, 23:10

La forma delle lacinie del calice e anche un po' il colore della corolla sembrano andare verso Gentiana ligustica.
Carattere davvero discriminante sono le papille dense sui margini delle lacinie del calice che a volte si vedono anche con ingrandimenti non eccessivi.
Avete dati sull'habitat? Gentiana ligustica cresce solo su rocce calcaree. Ad Entracque ci sono anche rocce silicee, ma vista la quota direi che è stata raccolta su calcare, che presenta affioramenti intorno al paese proprio a quelle quote, oltre al fatto che su silice sotto i 1500 m difficile trovare Gentiana (in questo caso sarebbe G. acaulis) in Alpi marittime.
Insomma per riassumere ci sono buone probabilità che lo sia, ma un bel crop sui margini del calice ci potrebbe togliere i dubbi residui

:bye:

Avatar utente
Daniela Longo
Amministratore
Messaggi: 11414
Iscritto il: 22 nov 2007, 12:57
Nome: Daniela
Cognome: Longo
Residenza(Prov): Genova (GE)

Re: Gentiana acaulis L.

Messaggio da Daniela Longo » 29 feb 2020, 19:12

Ho ricevuto risposta da Stefano Marsili e Simonetta Peccenini che coincide con quanto pensavo io.

Si tratta di Gentiana acaulis L.
Non ha le tipiche papille sui denti del calice, la forma dei sepali è più coerente con G. aucaulis e, cosa non trascurabile, Gentiana iigustica è calcifila, mentre la zona del ritrovamento (Lago Valscura e Rif. Questa) è rigorosamente silicea.

Ciao
Daniela
... vediamo un po’ come fiorisci,
come ti apri, di che colore hai i petali,
quanti pistilli hai, che trucchi usi
per spargere il tuo polline e ripeterti,
se hai fioritura languida o violenta,
che portamento prendi, dove inclini,
... (Patrizia Cavalli)

Rispondi

Torna a “Archivio floristico”