Polystichum aculeatum (L.) Roth {ID 129}

Contributi sulla flora italiana pubblicati in Actaplantarum (sola lettura)
Regole del forum
I messaggi di questo forum costituiscono una preziosa documentazione della presenza allo stato spontaneo della flora italiana ordinata in base alla data del rinvenimento, sequenza che verrebbe alterata da qualsiasi intervento successivo, ammissibile SOLO in caso di errori nella determinazione. Per segnalare errori inviate un messaggio nel forum "Correzioni e modifiche ad Archivio floristico" ricopiando il Topic_id che trovate in cima a ogni topic dell'Archivio
Rispondi
Topic_id: 105797
Avatar utente
genepy51
Messaggi: 662
Iscritto il: 17 set 2014, 20:31
Nome: Filippo
Cognome: Bozzalla B.
Residenza(Prov): Coggiola (BI)

Polystichum aculeatum (L.) Roth {ID 129}

Messaggio da genepy51 » 28 ott 2018, 13:48

Dryopteridaceae: Felce aculeata, Polistico aculeato
Val Sermenza (VC), 900 m, ott 2018
Foto di Filippo Bozzalla B.

Sentiero delle felci-Boccioleto
Lo catalogherei come Polystichum aculeatum
Allegati
polystichum aculeatum1a.jpg
polystichum aculeatum1a.jpg (69.52 KiB) Visto 149 volte
polystichum aculeatum1.jpg
polystichum aculeatum1.jpg (92.66 KiB) Visto 149 volte
Filippo Bozzalla B.
Le mie foto sono disponibili con licenza Creative Commons

Avatar utente
genepy51
Messaggi: 662
Iscritto il: 17 set 2014, 20:31
Nome: Filippo
Cognome: Bozzalla B.
Residenza(Prov): Coggiola (BI)

Re: Polystichum aculeatum (L.) Roth {ID 129}

Messaggio da genepy51 » 28 ott 2018, 13:49

Val Sermenza (VC), 900 m, ott 2018
Foto di Filippo Bozzalla B.
Allegati
polystichum aculeatum2.jpg
polystichum aculeatum2.jpg (43.98 KiB) Visto 148 volte
polystichum aculeatum3.jpg
polystichum aculeatum3.jpg (55.66 KiB) Visto 148 volte
Filippo Bozzalla B.
Le mie foto sono disponibili con licenza Creative Commons

Avatar utente
Adriano Bruna
Messaggi: 544
Iscritto il: 28 nov 2007, 17:25
Nome: Adriano
Cognome: Bruna
Residenza(Prov): Maniago (PN) Friuli
Località: Maniago (PN)
Contatta:

Re: Polystichum aculeatum (L.) Roth {ID 129}

Messaggio da Adriano Bruna » 29 ott 2018, 09:10

da dire che la pianta è molto giovane, mancano alcuni caratteri, ma visto le pinne basali molto corte e le pinnule superiori vicino al rachide molto più grandi delle altre io la darei per P. aculeatum
Adr

Avatar utente
Mikado
Messaggi: 344
Iscritto il: 23 lug 2011, 18:39
Nome: Michele
Cognome: Adorni
Residenza(Prov): Lesignano de' Bagni (PR)
Località: Lesignano de' Bagni (PR)

Re: Polystichum aculeatum (L.) Roth {ID 129}

Messaggio da Mikado » 31 ott 2018, 11:23

Per come la vedo io, si tratta di Polystichum aculeatum.
La lamina appare piuttosto coriacea e lucida. Le poche pinnule che si possono distinguere (l’esemplare è immaturo e le pinnule nella maggior parte dei casi risultano fuse tra di loro) sono da subsessili a sessili e l’acroscopica prossimale è ben più sviluppata delle altre.
genepy51 ha scritto:
28 ott 2018, 16:31
Mi sa che hai ragione, le pinnule sono in effetti picciolettate.
Gli unici piccioli che si vedono sono quelli delle pinne. Siete sicuri di non avere scambiato le pinne immature con delle pinnule? Tenete conto del fatto che si tratta di un esemplare molto giovane.
:bye:
Michele

Avatar utente
F. Fen.
Moderatore
Messaggi: 13391
Iscritto il: 04 feb 2008, 20:44
Nome: Franco
Cognome: Fenaroli
Residenza(Prov): Brescia (BS)
Località: Brescia

Re: Polystichum aculeatum (L.) Roth {ID 129}

Messaggio da F. Fen. » 31 ott 2018, 22:08

Allego scan III vol., p. 24 del Rothmaler
:bye: franco
Allegati
Polysticum sp., III vol. del Rothmaler
Polysticum sp., III vol. del Rothmaler
Polysticum sp.0001-001.jpg (156.67 KiB) Visto 1349 volte
La teoria del tutto, ovvero perché l'universo esiste: se trovassimo la risposta decreteremmo il definitivo trionfo della ragione umana poiché allora conosceremmo il pensiero stesso di Dio.
Stephen W. Hawking

Avatar utente
Mikado
Messaggi: 344
Iscritto il: 23 lug 2011, 18:39
Nome: Michele
Cognome: Adorni
Residenza(Prov): Lesignano de' Bagni (PR)
Località: Lesignano de' Bagni (PR)

Re: Polystichum aculeatum (L.) Roth {ID 129}

Messaggio da Mikado » 01 nov 2018, 07:58

Allego scansioni dell'Atlante delle Pteridofite nella Regione Emilia-Romagna (Bonafede F., Marchetti D., Todeschini R., Vignodelli M., 2001) pp. 64 e 65.
:bye:
Michele
Allegati
atl01.jpg
atl01.jpg (70.92 KiB) Visto 1326 volte
atl02.jpg
atl02.jpg (54.47 KiB) Visto 1326 volte

Avatar utente
Mikado
Messaggi: 344
Iscritto il: 23 lug 2011, 18:39
Nome: Michele
Cognome: Adorni
Residenza(Prov): Lesignano de' Bagni (PR)
Località: Lesignano de' Bagni (PR)

Re: Polystichum aculeatum (L.) Roth {ID 129}

Messaggio da Mikado » 01 nov 2018, 08:01

Ritaglio da pag. 65 Polistichum aculeatum (pianta giovane)
Allegati
atl03.jpg
atl03.jpg (28.83 KiB) Visto 1324 volte

Avatar utente
Mikado
Messaggi: 344
Iscritto il: 23 lug 2011, 18:39
Nome: Michele
Cognome: Adorni
Residenza(Prov): Lesignano de' Bagni (PR)
Località: Lesignano de' Bagni (PR)

Re: Polystichum aculeatum (L.) Roth {ID 129}

Messaggio da Mikado » 02 nov 2018, 12:44

Aggiungo il confronto tra la figura 6 riportata da Filippo (a sx) e un tratto di pinna di Polystichum setiferum con relative pinnule che ho recuperato dal mio erbario (a dx).
Confronto_pinne_pinnule.jpg
Confronto_pinne_pinnule.jpg (59.61 KiB) Visto 1214 volte
I segmenti che si vedono a sx sono enormemente più grandi delle pinnule di P. setiferum perché non sono pinnule (segmenti di second’ordine), bensì pinne (segmenti di prim’ordine) immature. La parte di felce tra le mani di Filippo a sx è quindi un frammento di una giovane fronda e non una parte di una pinna.
La presenza di fronde semplicemente pennate analoghe a quelle presenti nell'immagine di "P. aculeatum (pianta giovane)" dell'Atlante delle Pteridofite dell'E-R (immagine atl03) si vede chiaramente anche nelle prime tre foto del post.
Tra i Polystichum a fronda bipennatosetta l’unica specie che presenta una lamina semplicemente pennata nelle forme giovanili anche in esemplari relativamente sviluppati è P. aculeatum, che è un allotetraplode che deriva da P. × lonchitifome, ibrido fra P. lonchitis (a lamina semplicemente pennata) e P. setiferum.

Nonostante si tratti di esemplari giovani, nelle immagini di Filippo si riesce a distinguere qualche pinnula, di cui riporto alcuni esempi.
Pinnule.jpg
Pinnule.jpg (78.7 KiB) Visto 1214 volte
In tutti i casi le pinnule non si presentano picciolettate (come dovrebbero essere se si trattasse di P. setiferum), ma sessili o subsessili. Nell’immagine di destra del collage, dove sono presenti pinne più sviluppate, anche se la foto non è chiarissima, non sono presenti le tipiche orecchiette che contraddistinguono le pinnule mediali di P. setiferum.

Altri caratteri tipici di P. aculeatum, pur trovandoci di fronte ad esemplari giovanili, secondo me sono:
- fronde piuttosto coriacee e lucide (opache e meno coriacee in P. setiferum);
- stipite molto breve (v. foto 1; in P. setiferum è molto più sviluppato);
- pinne basali brevissime (v. foto 1; mai cortissime in P. setiferum).

Non sottovaluterei infine il fatto che, come Filippo ha fatto notare, la felce è stata rinvenuta lungo un sentiero naturalistico dedicato alle felci, nella cui brochure viene segnalata la presenza di P. aculeatum, ma non di P. setiferum,. L’autore della brochure è Mario Soster, uno dei più importanti pteridologi italiani.

Ribadisco quindi che per me si tratta di giovani esemplari di P. aculeatum. Non riesco a trovare elementi che mi facciano almeno sospettare che possa trattarsi di P. setiferum.
:bye:
Michele

Rispondi

Torna a “Archivio floristico”