Salix hegetschweileri Heer {ID 6739}

Foto della flora italiana (NON inserire argomenti nuovi, ulteriori messaggi SOLO per segnalare errori)
Rispondi
Avatar utente
Merli Marco
Messaggi: 3360
Iscritto il: 18 dic 2013, 21:02
Nome: Marco
Cognome: Merli
Residenza(Prov): Stenico (TN)

Salix hegetschweileri Heer {ID 6739}

Messaggio da Merli Marco » 07 lug 2014, 17:46

Salix hegetschweileri Heer
Salicaceae: Salice di Hegetschweiler
Alta val Venosta (BZ), 1900 m, lug 2014
Foto di Marco Merli

Questo stupendo Salix endemico delle Alpi, è esclusivo di alcune vallate continentali acidofile alto atesine austriache e svizzere, predilige stazioni lungo corsi d' acqua lungamente innevate e fresche, ultimamente ho eseguito ricerche mirate per capirne l' esatta sistemazione tassonomica

in passato e anche per alcuni studiosi odierni sarebbe l' incrocio fra Salix myrsinifolia e Salix bicolor, ma secondo la mia opinione,
questo Salix è una specie "pura" infatti le stazioni da me visitate, presentano ridotta variabilità tra individuo e individuo e dove vegeta non ho osservato esemplari di Salix myrsinifolia e come ben documentato Salix bicolor non raggiunge il territorio nazionale, del mio stesso parere illustri botanici austriaci ed italiani

è un arbusto molto ramoso alto non più di 3 m (4 m) ma generalmente non oltrepassa i 2 m, di norma si presenta in folte colonie mono specifiche
Si riconosce immediatamente per le foglie piccole di norma non o poco maggiori di 2-3 cm (4-5 cm) (solo i rami vigorosi portano foglie lunghe 6-6.5 cm ma queste non vanno considerate per una corretta analisi)
queste sono verdi, lucide quasi laccate sopra, sempre bianchicce sotto (a volte con esclusione dell' apice o la parte distale della lamina) di norma regolarmente dentellate, i rametti giovani sono pelosetti, ma ben presto
glabri e molto lucidi, salienze subcorticali da assenti a rade (ma in ogni modo non oltrepassano i 5-6 mm poco rilevanti)
gli amenti (inflorescenze) femminili sono corti, si allungano fino a 3 cm a maturità, le capsule inizialmente presentano una folta peluria
per poi diradarsi sensibilmente a piena maturità, sono ben fertili, l' alta fertilità significa di norma specie di origine non ibrida
Rimarchevole un carattere quasi sempre presente: quando si taglia un rametto si sente un gradevole odore, assente in Salix myrsinifolia

Da noi (Alpi italiane) si può confondere solamente con Salix myrsinifolia, ma quest' ultimo presenta foglie maggiori, decisamente più variabili tra popolazione e polopolazione, mai laccate di sopra, generalmente mai cosi bianchicce di sotto, in genere con punta verde (non glauca),
differenza comunque netta sta nelle foglie (pagina inferiore) basse dei ramuli: in Salix myrsinifolia sono verdi in Salix hegetschweileri sono sempre bianche o sbiadite, i rami giovani sono più pelosi e le capsule femminili non presentano quasi mai un' abbondante peluria, ed in più è un arbusto di norma maggiore e tante volte presenta la forma di un alberello di 4-5 m.
per finire in Salix myrsinifolia le foglie diventano generalmente nere quando vengono pressate, restano verdi (ma non sempre) in Salix hegetschweileri, ma questo carattere è solamente casuale, verosimilmente dipende da quando si esegue il taglio, dall' umidità relativa ecc.. ho notato anche che le foglie prelevate nella stessa ora dalla stessa pianta possono restare verdi o diventare scure fino a nere
(vedere foto)
A volte anche Salix hastata presenta foglie abbastanza "simili" ma quest' ultimo è un arbusto molto più piccolo e non forma mai consorzi puri lungo corsi d' acqua di relativa bassa quota
Marco :bye:

(Ramoscelli e portamento)
Allegati
P1130003.JPG
P1130003.JPG (70.46 KiB) Visto 1983 volte
P1130008.jpg
P1130008.jpg (98.06 KiB) Visto 27 volte

Avatar utente
Merli Marco
Messaggi: 3360
Iscritto il: 18 dic 2013, 21:02
Nome: Marco
Cognome: Merli
Residenza(Prov): Stenico (TN)

Re: Salix hegetschweileri Heer

Messaggio da Merli Marco » 07 lug 2014, 17:49

Salix hegetschweileri Heer
Salicaceae: Salice di Hegetschweiler
Alta val Venosta (BZ), 1900 m, lug 2014
Foto di Marco Merli

(pagina inferiore e superiore delle foglie)
Allegati
P1130017.JPG
P1130017.JPG (61.1 KiB) Visto 1982 volte
P1130018.jpg
P1130018.jpg (68.85 KiB) Visto 25 volte

Avatar utente
Merli Marco
Messaggi: 3360
Iscritto il: 18 dic 2013, 21:02
Nome: Marco
Cognome: Merli
Residenza(Prov): Stenico (TN)

Re: Salix hegetschweileri Heer

Messaggio da Merli Marco » 07 lug 2014, 17:51

Salix hegetschweileri Heer
Salicaceae: Salice di Hegetschweiler
Alta val Venosta (BZ), 1900 m, lug 2014
Foto di Marco Merli

(rametto di 3 anni scortecciato con a destra una debole salienza, ma ben evidente)
Allegati
P1130019.JPG
P1130019.JPG (50.73 KiB) Visto 1981 volte

Avatar utente
Enrico Banfi
Moderatore
Messaggi: 4917
Iscritto il: 01 set 2009, 11:50
Nome: Enrico
Cognome: Banfi
Residenza(Prov): Milano (MI)

Re: Salix hegetschweileri Heer

Messaggio da Enrico Banfi » 07 lug 2014, 19:26

Davvero molto interessante e ben documentato! :applauso: Anch'io mi associo al parere che questo endemita possa essere il prodotto di una speciazione lineare piuttosto che ibridogenica, un probabile segmento periferico (alta quota, innevamento prolungato) di popolazione isolato da pressioni di selezione disruptiva (speciazione parapatrica), della popolazione ancestrale includente S. myrsinifolia. Sembrerebbero molto chiari i caratteri per riconoscere la specie :bye:
Σκιᾶϛ ὄναρ ἄνθροπος (Pindaro, Pitiche VIII)

Avatar utente
Merli Marco
Messaggi: 3360
Iscritto il: 18 dic 2013, 21:02
Nome: Marco
Cognome: Merli
Residenza(Prov): Stenico (TN)

Re: Salix hegetschweileri Heer

Messaggio da Merli Marco » 07 lug 2014, 19:40

Ti ringrazio Enrico per il tuo interessantissimo intervento, in effetti questo Salix si differenzia abbastanza bene da tutti gli altri Salix

vorrei aggiungere: dove è presente generalmente anche se le stazioni sono abbastanza contenute, gli esemplari sono numerosi e la specie è altamente dominante, solo alcune specie legnose, accompagnano sporadicamente questo Salix, tra queste ho visto: Salix appendiculata, Salix caprea, Salix myrsinifolia (ma questa specie con l' ho incontrata sporadica in solo una stazione dove è presente Salix hegetsweileri e in più non era frammista ma ben disgregata) Lonicera caerulea, Populus tremula, betula pubescens
Si, questo Salix è verosimilmente il frutto di un evoluzione e qui nelle alte valli fredde dell' Alto Adige trova il sua ambiente ideale

Appena possibile farò altre ricerche mirate in altre stazioni

Marco :bye:

Avatar utente
Merli Marco
Messaggi: 3360
Iscritto il: 18 dic 2013, 21:02
Nome: Marco
Cognome: Merli
Residenza(Prov): Stenico (TN)

Re: Salix hegetschweileri Heer

Messaggio da Merli Marco » 11 lug 2014, 18:09

Salix hegetschweileri Heer
Salicaceae: Salice di Hegetschweiler
Alta val Venosta (BZ), 1900 m, lug 2014
Foto di Marco Merli

Rametto e foglie di Salix hegetschweileri annerenti (SX) sotto pressa (erbario)

Rametto e foglie di Salix hegetschweileri non annerenti (DX) sotto pressa (erbario)
Allegati
P1130032.JPG
P1130032.JPG (66.22 KiB) Visto 1837 volte
P1130029.jpg
P1130029.jpg (69.31 KiB) Visto 16 volte

Avatar utente
Merli Marco
Messaggi: 3360
Iscritto il: 18 dic 2013, 21:02
Nome: Marco
Cognome: Merli
Residenza(Prov): Stenico (TN)

Re: Salix hegetschweileri Heer

Messaggio da Merli Marco » 13 lug 2014, 17:31

Altra differenza tra Salix hegetschweileri e Salix myrsinifolia sta nel colore della pagina inferiore delle foglie basali dei ramuli

verdi in Salix myrsinifolia (a SX) bianco-glauche in Salix hegetschweileri (a DX)

Marco :bye:
Allegati
P1130054.JPG
P1130054.JPG (126.89 KiB) Visto 1785 volte

Avatar utente
Merli Marco
Messaggi: 3360
Iscritto il: 18 dic 2013, 21:02
Nome: Marco
Cognome: Merli
Residenza(Prov): Stenico (TN)

Re: Salix hegetschweileri Heer

Messaggio da Merli Marco » 14 lug 2014, 19:26

Finalmente dopo almeno 6 escursioni nelle vallate al confine tra Alto Adige ed Austria sono riuscito a capire le differenze tra questo Salix e tutti i suoi simili, (fra tutti Salix myrsinifolia) ma è stato veramente impegnativo
infatti molti caratteri espressi in molte chiavi analitiche che ho usato per determinare questo Salix non sono concordi tra loro
è incredibile questo Salix per variabile che sia ha generalmente sempre dei caratteri esclusivi di determinazione non citati assolutamente dalle chiavi

Marco :bye:

Avatar utente
Merli Marco
Messaggi: 3360
Iscritto il: 18 dic 2013, 21:02
Nome: Marco
Cognome: Merli
Residenza(Prov): Stenico (TN)

Re: Salix hegetschweileri Heer

Messaggio da Merli Marco » 07 apr 2018, 19:33

L' anno scorso abbiamo percorso interamente molte vallate delle Alpi occidentali italiane ma senza trovare piante riferibili a Salix hegetschweileri e per tanto senza ritrovamenti certi e senza campioni d' erbario provenienti dalle Alpi occidentali questo endemita alpico può considerarsi presente solo in 3 vallate altoatesine, oltre ad alcune zone delle Alpi austriache e svizzere
Le rare segnalazioni fatte sulle Alpi italiane ad est del Trentino Alto Adige vanno radiate infatti sulle Alpi venete (e trentine) non sussistono condizioni edafico/ecologiche necessarie a questo salice

PS: nel prossimo mese di luglio è in programma una ricerca in alcune zone delle Alpi di Cuneo, il gruppo di ricercatori è consistente, vedremo se salterà fuori qualcosa di interessante infatti sentendo i botanici locali ci sarebbero delle popolazioni di Salix alquanto "difficili" da classificare, bene aspettiamo luglio (la mia auto romba già all' idea di partire) oltre allo studio dei Salix è in programma uno studio di altri generi tosti.

Ciao Marco

Rispondi

Torna a “Archivio floristico”