Muscidae: Phaonia sp. cfr.

Rispondi
Avatar utente
rededivad
Amministratore
Messaggi: 8033
Iscritto il: 24 apr 2008, 10:05
Nome: Davide
Cognome: Tomasi
Residenza(Prov): Cornedo Vicentino (VI)
Località: Cornedo Vicentino (VI)

Muscidae: Phaonia sp. cfr.

Messaggio da rededivad » 20 apr 2014, 18:29

Cornedo Vicentino (VI), 190 m, nov 2013
Foto di Davide Tomasi

su edera

Grazie per ogni informazione
Allegati
P1070562.JPG
P1070562.JPG (178.19 KiB) Visto 1007 volte
P1070567.JPG
P1070567.JPG (226.55 KiB) Visto 1007 volte
"Meravigliarsi di tutto è il primo passo della ragione verso la scoperta." Louis Pasteur
"A compiacersi del semplice ci vuole un'anima grande.” Arturo Graf

Carlo Monari
Moderatore
Messaggi: 361
Iscritto il: 24 set 2011, 14:09
Nome: Carlo
Cognome: Monari
Residenza(Prov): Milano (MI)

Re: Muscidae: Phaonia sp. cfr.

Messaggio da Carlo Monari » 21 apr 2014, 09:04

Con le famiglie dei ditteri superiori sono sempre in difficoltà; tutte le chiavi fanno riferimento a caratteri per lo più non rilevabili dalle fotografie 'in vivo' e per cogliere le differenze di aspetto ci vorrebbe una esperienza superiore a quella che sono riuscito a mettere da parte finora. In questo caso per me dovrebbe trattarsi di una femmina di Phaonia sp, Muscidae, ma non ne ho la certezza assoluta.
Ciao
Carlo Monari

Carlo Monari
Moderatore
Messaggi: 361
Iscritto il: 24 set 2011, 14:09
Nome: Carlo
Cognome: Monari
Residenza(Prov): Milano (MI)

Re: Muscidae: Phaonia sp. cfr.

Messaggio da Carlo Monari » 21 apr 2014, 12:11

Facendo riferimento all'albero filogenetico, la suddivisione ritenuta più lontana dai caratteri ancestrali di base a tutti i Ditteri è quella dei Calyptratae, a volte indicati anche come Brachycera superiori, che comprende le superfamiglie Hippoboscoidea (con le famiglie Hippoboscidae, Nycteribiidae e Strebilidae), Muscoidea (Scathophagidae, Anthomyiidae, Fanniidae, Muscidae) e Oestroidea (Calliphoridae, Rhinophoridae,Sarcophagidae,Tachinidae, Oestridae, Gasterophilidae e Hypodermatidae). In termini di numero di specie potrebbero rappresentare circa il 20% di tutte le specie italiane (che sono oltre seimila).
Ciao
Carlo Monari

Rispondi

Torna a “Diptera”