Un giorno intero fra i binocolari

Microscopi, binocoli, macchine fotografiche, GPS e ogni altro strumento da campo e di laboratorio

Moderatore: rededivad

Rispondi
Avatar utente
Enotria
Messaggi: 204
Iscritto il: 27 gen 2013, 01:32
Nome: Andrea
Cognome: Bosi
Residenza(Prov): Ferrara (FE)
Località: Ferrara
Contatta:

Un giorno intero fra i binocolari

Messaggio da Enotria » 27 ott 2016, 16:28

.

Non so se fra voi vi è qualche appassionato di binocoli, di microscopia o di micro immagini, ma io mi sono divertito e volevo raccontarlo.
Male che vada, consideratelo un intervallo, una breve escursione su altri campi di gioco.





Tre regioni si incontrano e convergono in un solo punto: sono Toscana, Umbria e Lazio e, se guardate sulla carta, il solo punto che soddisfa questa condizione è il Monte Rufeno, con la sua riserva naturale di alberi e di fauna selvatica, con sentieri percorribili solo a piedi o in MBK.

O con un fuoristrada della Forestale, che un sabato mattina accompagna su io, assieme a Nicola Ricci ed a Dunadan. Sul fuoristrada, con noi, alcuni nostri microscopi di vario tipo, tanti campioni da guardare, presentazioni PowerPoint con le più belle immagini della microscopia, un altro con le fantastiche composizioni artistiche di Dunadan, ma nell’anima pensieri foschi e bui.

Ci stiamo addentrando in un posto certamente molto bello, ma chissà se è vero che saremo ben accettati. Le premesse ci sono state, ma stiamo andando in un covo di binocolari incalliti e di astro patiti, tanto che la nostra meta è un osservatorio astronomico proprio in cima al cucuzzolo ed è invaso da gente che non ha mai guardato un microscopio da vicino.

Quella mattina mi sentivo un po’ come i primi missionari che andavano a predicare il vangelo ai tagliatori di teste. Non eravamo proprio tranquilli tranquilli !

Finalmente arriviamo, saluti vari e subito prepariamo un tavolone con i nostri strumenti e mettiamo a punto le strategie di attacco:
io attivo un PC portatile che, in continuazione, mostra delle belle fotografie di microscopia, Nicola è subito li di fianco, leggermente defilato ed appena uno accenna a fermarsi per guardare, lo branca e gli fa il lavaggio del cervello. Una volta che il poverino è ben cotto, con lo sguardo ormai inebetito, viene passato a me, che con l’ausilio di un paio di microscopi e di bellissimi campioni già preparati, rifinisco di fino la conversione alla microscopia, fino a trasformare un povero binocolaro in un appassionato microscopista.
Se poi qualcuno poi riesce a sfuggire a questo primo trabocchetto, incontra il bravo Dunadan che gli mostra le sue composizioni a base di diatomee e li non c’è pezza, la meraviglia è tale che dimenticano Cassiopea e financo le Sette Sorelle !
Rufeno_2.jpg
Rufeno_2.jpg (57.81 KiB) Visto 2106 volte

La prima mattinata ci regala un cielo pulitissimo, ma con uno strato di nuvole giù nel fondovalle. Il panorama è magnifico e la coltre di nubi rende la vista tridimensionale.
Rufeno_5.jpg
Rufeno_5.jpg (63.04 KiB) Visto 2106 volte
(Continua)
Andrea

URL: http://spazioinwind.libero.it/andrea_bosi/index.htm

Ogni oggetto ha la sua storia,
. . . io non vendo oggetti,
. . . . . . io racconto storie. (Enotria)

Avatar utente
Enotria
Messaggi: 204
Iscritto il: 27 gen 2013, 01:32
Nome: Andrea
Cognome: Bosi
Residenza(Prov): Ferrara (FE)
Località: Ferrara
Contatta:

Re: Un giorno intero fra i binocolari

Messaggio da Enotria » 27 ott 2016, 16:31

Ma pian piano le nuvole si sciolgono e i binocoli cominciano ad invadere la scena e, dopo poco, sono dappertutto, ne siamo invasi.
Certo che la sproporzione è paurosa, il nostro banco con quattro microscopi e due portatili contro una selva di binocoli e di binocoloni da far paura. Saltano fuori da tutte le parti: grandi, piccoli, belli, brutti, militari, da marina, di tutti i generi.
Rufeno_6.jpg
Rufeno_6.jpg (119.65 KiB) Visto 2104 volte
Ma, per fortuna, la curiosità non manca e, tra un binocolo e l’altro, c’è sempre l’interessato di turno, con grande gioia di Nicola che così può finalmente mostrare le sue orribili creature, i suoi mostri.
Ma, si sa, “ogni scarafone è bello a mamma soja” per cui mostra a tutti un microscopio che io ho battezzato Frankenstin, perché lo ha assemblato unendo i pezzi di decine di strumenti cannibalizzati ed altrimenti inusabili.
Rufeno_9.jpg
Rufeno_9.jpg (68.26 KiB) Visto 2104 volte

Al contrario, il mio bellissimo Leitz Dialux non lo guarda nessuno, misteri della psiche umana !
La schifezza di Nicola batte il mio micro per quattro a zero ! Cominciamo bene !

Ammirazione incondizionata invece per le opere di Dunadan, le sue composizioni di diatomee sono affascinanti e Franco risponde per l’ennesima volta e sempre alla stessa domanda: quante ore di lavoro occorrono per realizzare le sue micro composizioni !



Poi un leggero pranzetto a base di spaghetti all’amatriciana, carne alla griglia e vari formaggi, assieme a frequenti brindisi a qualcuno che forse compiva gli anni, un certo Noctivid, che però non conosco.

Ma ormai siamo agli sgoccioli, ci aspettano altre quattro ore di viaggio per tornare a Ferrara e poi dobbiamo ancora uscire dalla Riserva Naturale.
Carichiamo tutte le nostre carabattole sul fuoristrada che ci porterà giù dal monte, gli ultimi saluti e poi facciamo ritorno, stufi morti, ma felici perché, forse, qualche binocolaro siamo riusciti a convertirlo alla sana microscopia. Non si sa mai.
Andrea

URL: http://spazioinwind.libero.it/andrea_bosi/index.htm

Ogni oggetto ha la sua storia,
. . . io non vendo oggetti,
. . . . . . io racconto storie. (Enotria)

Rispondi

Torna a “Gli strumenti del naturalista”