Nuova reflex.Un consiglio per foto naturalistiche e macro

Microscopi, binocoli, macchine fotografiche, GPS e ogni altro strumento da campo e di laboratorio

Moderatore: rededivad

Rispondi
Avatar utente
Malvarosa
Messaggi: 31
Iscritto il: 31 mag 2014, 14:50
Nome: Carmen
Cognome: Novaro
Residenza(Prov): Diano Castello (IM)

Nuova reflex.Un consiglio per foto naturalistiche e macro

Messaggio da Malvarosa » 20 lug 2014, 10:29

Buongiorno a tutti! sono tornata da poco all'antica passione per le foto naturalistiche, in particolare per quelle botaniche e macro).Possiedo una compatta Pentax 555 e una Canon 1000 EOS che ultimamente mi ha dato un po' di problemi, soprattutto nella messa a fuoco.Alla fine mi sono decisa al grande passo verso una reflex superiore, abbinata ad un buon obiettivo macro. Un consiglio?
Ho pensato alla Nikon D7100, ma qualcuno mi ha consigliato di rimanere sulla più semplice Nikon D5300. E ora ho molti dubbi,vista anche la differenza di prezzo. Grazie anticipatamente,a presto!

Umberto Ferrando
Messaggi: 4708
Iscritto il: 22 nov 2007, 15:28
Nome: Umberto
Cognome: Ferrando
Residenza(Prov): Mele (GE)

Re: Nuova reflex.Un consiglio per foto naturalistiche e macro

Messaggio da Umberto Ferrando » 21 lug 2014, 14:44

Ti faccio una domanda, che deriva dalla mia esperienza di "reflexista" quasi pentito: sei disposta al sacrificio che comporta avere una reflex? Che non è di natutra puramente economica e che non significa solo spendere di più per il "corpo macchina" ma anche:

1) spendere moltissimo in ottiche adeguate;
2) legarti definitivamente a un marchio (perché poi su quel corpo macchina dovrai sempre montare od ottiche di quel marchio o compatibili oppure ricorrere ad adattatori che obiettivamente, per reperibilità e praticità, non sono il massimo);
3) portare con te, ogni volta che parti per un'escursione impegnativa, un oggetto relativamente pesante e con un corredo ingombrante (quando partivo con tutto, ossia corpo macchina, obiettivo macro stabilizzato 100 mm e zoom 24-105 mm, più flash, più cavalletto, più battery-pack) ci riempivo quasi la metà del volume dello zaino (30 litri). Solo se hai fatto una valutazione attenta di questi "contro" allora puoi valutare i "pro" e poi scegliere il modello...

Probabilmente, nella sua fascia (quella semi-professionale) la d7100 è quanto di meglio si possa avere in materia di messa a fuoco automatica (precisissima e velocissima) ed è robusta senza essere pesantissima (ma sono sempre 770 grammi) però a meno che tu non faccia fotografia sportiva non credo che la differenza, con la più "lenta" d5300 sia così fondamentale, senza considerare che la d5300 ha il vantaggio di essere molto più leggera, ha un rumore ugualmente basso agli alti ISO (forse anche leggermente migliore rispetto alla d7100) e che l'autofocus della d5300 è comunque discreto/buono e più che adatto per la fotografia naturalistica...
Ciao
Umberto

P.S. fin'ora ho parlato "male" della Canon, della Nikon mi lascia invece molto perplesso la scelta di andare alla rincorsa dei megapixel... francamente non capisco il senso di montare un sensore full-frame su macchine non professionali...

Avatar utente
Daniela Longo
Amministratore
Messaggi: 10649
Iscritto il: 22 nov 2007, 12:57
Nome: Daniela
Cognome: Longo
Residenza(Prov): Genova (GE)

Re: Nuova reflex.Un consiglio per foto naturalistiche e macro

Messaggio da Daniela Longo » 21 lug 2014, 16:18

Beh,
Umberto è un po' eccessivo...
Come al solito si può trovare sempre un compromesso.

Io ho una D90 di cui sono superfelice. Quando l'ho acquistata era già uscita la D7000 (che ha acquistato mia figlia e di cui è altrettanto felice). Le differenze sono la realizzazione di video su cui la D90 è a livello basico.

Viaggio con la reflex, il macro 60 mm ed un zoom 18-200 mm. Salvo che per macro super spinte (oltre il rapporto 1:1, ossia dimensione dell'oggetto sul sensore pari alla dimensione reale) o per Foto di animali molto lontani (uccelli) o molto mobili (farfalle) non ho bisogno di altro. Uso il flash incorporato che, dopo un po' di pratica, si rivela ottimo (sempre tranne il caso di macro molto ravvicinate per le quali ho uno specchietto autocostruito che riflette la luce del flash sul soggetto). Al cavalletto ho rinunciato e ti garantisco che aumentando un po' gli ISO si riescono a fare foto quasi in ogni condizione.

Quanto sopra vale per gli scopi della pubblicazione sul web, della visione su video, della stampa di formati di dimensioni "normali".
Se la tua intenzione è fare "poster" anche la D7100 potrebbe non essere adeguata.

Indubbiamente io porto con me circa 1,5Kg di materiale fotografico.
La mia valutazione è stata fatta in modo ragionato:
- con la mia precedente Bridge Canon (era la G9 ancora funzionante) il cavalletto era obbligatorio: peso di macchina più cavalletto circa 1 Kg;
- l'utilizzo del flash incorporato era praticamente impossibile;
- le dimensioni molto inferiori del sensore rendevano impossibile usare ISO elevati senza vederne l'effetto;
- la limitata gamma di diaframmi presenti in una compatta o bridge rende meno "versatile" anche la scelta dei tempi di scatto e più difficile isolare il soggetto dallo sfondo.

Ho ritenuto che 500 gr in più valessero la scelta su cui non saprei più tornare indietro.

Secondo me non ha senso rincorrere per forza l'ultima novità e non vedo enormi differenze tra le varie reflex purché siano "di buona qualità" (direi che Canon e Nikon si equivalgano). Le scelte fondamentali sono:
- corpo con motore di messa a fuoco incorporato (le reflex di più basso costo non lo hanno e richiedono obiettivi più costosi e pesanti);
- scegliere con cura le ottiche sulla base di cosa si voglia fotografare; il mio 18-200mm è un bellissimo obiettivo, un bel po' costoso e forse si può fare con meno; se è tua intenzione fotografare anche insetti e farfalle è meglio un macro diverso tipo il 135mm; a questo punto potresti optare per uno zoom nel campo grandangolo medio-tele ed usare l'obiettivo macro come tele più potente.

Altri in forum fanno foto bellissime anche con le compatte.
In genere ho visto che però spesso rinunciano a fotografare in cattive condizioni di luce, là dove un reflexista va tranquillo.
In buone condizioni di luce non è la macchina che fa il fotografo... :)

Daniela :bye:
... vediamo un po’ come fiorisci,
come ti apri, di che colore hai i petali,
quanti pistilli hai, che trucchi usi
per spargere il tuo polline e ripeterti,
se hai fioritura languida o violenta,
che portamento prendi, dove inclini,
... (Patrizia Cavalli)

bruma
Messaggi: 2365
Iscritto il: 19 mag 2010, 18:21
Nome: Vincenzo
Cognome: Volonterio
Residenza(Prov): Sorisole (BG)

Re: Nuova reflex.Un consiglio per foto naturalistiche e macro

Messaggio da bruma » 21 lug 2014, 17:52

Anch'io medito (da più di un anno!!) l'acquisto di una reflex digitale ma non ho fretta e seguo con interesse questi topic. Per animare il dibattito menziono le, ancor poco diffuse, mirrorless, delle quali ho letto alcune recensioni... sembrano avere alcuni aspetti interessanti ma non conosco nessuno che le abbia provate.
:bye:
Vincenzo

Avatar utente
Enotria
Messaggi: 203
Iscritto il: 27 gen 2013, 01:32
Nome: Andrea
Cognome: Bosi
Residenza(Prov): Ferrara (FE)
Località: Ferrara
Contatta:

Re: Nuova reflex.Un consiglio per foto naturalistiche e macro

Messaggio da Enotria » 22 lug 2014, 00:44

Io da un paio di anni uso le fotocamere mirror less per le riprese in microscopia e mi trovo molto bene.

In particolare utilizzo le Sony NEX-3 in quanto hanno tutto quello che serve per essere accoppiate ad un microscopio ed hanno un costo piuttosto basso. Ho usato anche le NEX-5 e NEX-6, ma senza avere particolari vantaggi in microscopia, salvo un maggior costo.

Cosa hanno di buono:
leggere, compatte, economiche (la NEX-3), mantengono in memoria le impostazioni anche da spente, messa a fuoco facilitata sia con l'ingrandimento di un particolare, sia bordando di rosso le zone a fuoco dell'immagine: comodissimo nello stack e se si ha fretta.
La qualità fotografica è la stessa delle reflex in formato APS-C, ma con un peso ridotto ad un terzo, naturalmente monitor ad alta definizione ed orientabile.
MVC-269S.JPG
Sony NEX-3 su un macroscopio per paleontologia
MVC-269S.JPG (83.54 KiB) Visto 7493 volte
Il raccordo fotografico è lo stesso che uso anche per le reflex, l'oculare da proiezione è ad alto ingrandimento: 15x-20x in modo da avere tutto il campo senza vignettatura.
5.JPG
Raccordo fotografico per reflex APS-C o Mirror less
5.JPG (23.39 KiB) Visto 7493 volte
Il risultato è che così facendo la fotocamera è completamente indipendente e la si può usare con qualsiasi raccordo oculare standard, quindi anche su microscopi non dotati di presa per fotografia, semplicemente sostituendola ad uno degli oculari di visione.

La terza foto fate finta di vederla, su questo Forum il limite è di solo due immagini ! :wall:


:bye:
Andrea

URL: http://spazioinwind.libero.it/andrea_bosi/index.htm

Ogni oggetto ha la sua storia,
. . . io non vendo oggetti,
. . . . . . io racconto storie. (Enotria)

Avatar utente
Malvarosa
Messaggi: 31
Iscritto il: 31 mag 2014, 14:50
Nome: Carmen
Cognome: Novaro
Residenza(Prov): Diano Castello (IM)

Re: Nuova reflex.Un consiglio per foto naturalistiche e macro

Messaggio da Malvarosa » 22 lug 2014, 20:37

Grazie davvero a tutti, siete stati gentilissimi e precisi nelle risposte.Mi rendo conto che ognuno di noi ha le proprie esigenze e preferenze, quello che mi spaventa di più (oltre la spesa importante) è il peso che devo portarmi dietro oltre il necessario per le escursioni.Ma ormai ho deciso per la Nikon D7100 , ho letto diverse recensioni più che positive e il peso non è di molto superiore alla 5300.Credo che avrò un bel po' da studiare per imparare ad usarla! Rimane il dubbio sul macro : Tamron 90 stabilizzato o il nuovo Sigma 105 di cui sento raccontare miracoli? anche qui è solo il peso non tanto economico (circa 40-50 euro in più) quanto materiale, che si somma al resto!Inoltre il dubbio è anche se riuscirò a scattare una foto macro con un Sigma senza cavalletto (sempre per non portarmi troppo peso dietro...)
Grazie ancora! Buona serata :) :) :), a presto!

Rispondi

Torna a “Gli strumenti del naturalista”