La lente d’acqua

Microscopi, binocoli, macchine fotografiche, GPS e ogni altro strumento da campo e di laboratorio

Moderatore: rededivad

Rispondi
Avatar utente
Enotria
Messaggi: 204
Iscritto il: 27 gen 2013, 01:32
Nome: Andrea
Cognome: Bosi
Residenza(Prov): Ferrara (FE)
Località: Ferrara
Contatta:

La lente d’acqua

Messaggio da Enotria » 26 giu 2018, 10:49

.

Una lente fatta d’acqua, perché no ?

Non è neppure una gran novità, in fin dei conti tutti noi abbiamo avuto la boccia con i pesci rossi e, tutti noi, ci siamo meravigliati nel vedere che le cose dietro alla boccia sembravano notevolmente più grandi.

Ora che sono cresciuto, i pesci rossi li tengo nell’acquario, ma la curiosità dell’acqua che ingrandisce non è scomparsa, anzi, ora che mi sono interessato all’Ottica ed alle sue leggi, mi incuriosisce ancora di più.

Ed allora, nulla di meglio che fare qualche prova.

Le suorine dell’Ospizio dei Vecchietti ormai lo sanno e ci sono abituate: quando mi vedono aggirare per le stanze con la testa fra le nuvole alla ricerca di non si sa bene cosa, capiscono che è inutile fermarmi, occorre solo tenermi d’occhio per capire subito dove mi sono fermato a far danni e cercare di riparare i guai.

La ricerca riguardava una siringa: prima ho trovato una normale da 5 ml. No, troppo piccola.
Finalmente quella giusta: un siringone da 50 ml, con rubinetto, rubato a quell’antipatico del mio dirimpettaio e come ci è rimasto male quando il clistere gli si è interrotto sul più bello !

Lavato per bene il siringone, ho tagliato una fetta di tubo da edilizia, quello arancio da scarichi fognari, ed in cucina ho poi trafugato un bel foglio di pellicola trasparente.

Finalmente, armato di tutto quello che mi serviva, ho fatto un paio di fori nel tubo da edilizia ed ho poi incollato la pellicola, badando di mantenerla ben tesa e di non fare pieghe.

Infilato il beccuccio della siringa piena di acqua, ho riempito l’anello di tubo, mentre l’aria poteva sfuggire dal foro rimasto aperto.

3.JPG
3.JPG (35.12 KiB) Visto 947 volte

Quando tutta l’aria è uscita, ho chiuso il foro di sfogo aria con un briciolo di cera morbida, prelevata dal formaggio Leerdammer che le suorine ci danno alla sera assieme alla purea di patate ed alla coscietta di pollo lessa.

Ora tutto è compiuto: premo un po’ di più la siringa e il marchingegno mi diventa una lente che ingrandisce, premo un altro po’ e quella obbediente ingrandisce ancora di più, aspiro buona parte dell’acqua e quella mi diventa una lente negativa, che rimpicciolisce.

4.JPG
4.JPG (75.67 KiB) Visto 947 volte


A questo punto la confusione nell’Ospizio era quasi al massimo, vi spiegherò poi perché solo “quasi”.

(Continua)

:vecchio:
Andrea

URL: http://spazioinwind.libero.it/andrea_bosi/index.htm

Ogni oggetto ha la sua storia,
. . . io non vendo oggetti,
. . . . . . io racconto storie. (Enotria)

Avatar utente
Enotria
Messaggi: 204
Iscritto il: 27 gen 2013, 01:32
Nome: Andrea
Cognome: Bosi
Residenza(Prov): Ferrara (FE)
Località: Ferrara
Contatta:

Re: La lente d’acqua

Messaggio da Enotria » 26 giu 2018, 10:59

.

A questo punto la situazione era piuttosto confusa: io che facevo Sherlock Holmes, Nicola, il mio compagno di avventure, anche lui non voleva essere da meno e suor Concetta voleva a tutti i costi dimostrare che concentrando il sole, con l’acqua avrebbe incendiato la carta.

Poi, sul più bello, ho voluto aumentare la curvatura delle lenti e . . . . . paff, è scoppiata la pellicola, con tutta l’acqua per terra.

Ora si che il “quasi” non serve più, la confusione era veramente al massimo, anche perché Nicola, tutto impegnato in una dissertazione non richiesta su Pascal ed il suo principio, ha messo un piede sulla pozzanghera, finendo dritto steso sul pavimento e con il sedere a bagno.

Nel contempo, richiamata dallo schiamazzo, arrivava sul posto suor Germana, la superiora, che vedendo Nicola così conciato si mette a gridare: “pannolone, ci vuole un pannolone . . . “


C’è voluto un po’ per spiegare alla superiora che con i mezzi che avevamo disponibili difficilmente si poteva fare di più, ed ora io e Nicola siamo segregati in camera, con la proibizione assoluta di uscire se non per mangiare o per fare pipì.

Ma, in compenso, ci siamo divertiti come matti: ora stiamo pensando a come costruire il cannocchiale di Galileo, con due lenti, una positiva come obiettivo ed una negativa per oculare e, con la messa a fuoco idraulica, iniettando più o meno acqua nella lente oculare.

6.JPG
6.JPG (74.72 KiB) Visto 946 volte
Nicola, felice come un bimbo



E poi dicono che la nostra è la terza età: non so voi, ma a me sembra ancora di essere un ragazzino che scopre il Mondo !


(Fine)


:bye: :vecchio:
Andrea

URL: http://spazioinwind.libero.it/andrea_bosi/index.htm

Ogni oggetto ha la sua storia,
. . . io non vendo oggetti,
. . . . . . io racconto storie. (Enotria)

Avatar utente
adelina
Messaggi: 1517
Iscritto il: 11 gen 2008, 10:35
Nome: Adelina
Cognome: Alice
Residenza(Prov): Mele (GE)
Località: Mele (GE)

Re: La lente d’acqua

Messaggio da adelina » 28 giu 2018, 21:39

Resto sempre incantata da quello che descrivi, bravo :applauso:
P.S. Ho 68 anni, ma non so ancora cosa farò "da grande", hai anche tu questa sensazione, ogni tanto?
:fiori:
Adelina
Se ami un fiore, non coglierlo, perchè se lo cogli esso muore e smette di essere ciò che amavi: lascialo stare; amare non significa possedere, ma apprezzare (Osho Rajneesh)
Le foreste precedono i popoli, i deserti li seguono (F. R. de Chateaubriand)

Avatar utente
Enotria
Messaggi: 204
Iscritto il: 27 gen 2013, 01:32
Nome: Andrea
Cognome: Bosi
Residenza(Prov): Ferrara (FE)
Località: Ferrara
Contatta:

Re: La lente d’acqua

Messaggio da Enotria » 28 giu 2018, 23:44

.

Certamente, non ho la più pallida idea di cosa mi riserva il futuro.

Ogni tanto, negli anni, capitano degli eventi che ti fanno stravolgere il presente: quello è il momento buono per iniziare una nuova avventura o, quanto meno, per riorganizzarti.

In questi giorni sono proprio in uno di questi momenti che ha appena trovato la sua naturale conclusione. :cry:
Ora sono nel marasma più completo, nei primi giorni non riuscivo a trovare neppure un paio di calzini, ora mi sto riorganizzando a modo mio.
Ti posso però dire che ora, solo ora, capisco quanto sono brave le brave mogli: condurre bene una casa non è certo ne facile ne riposante.

:bye:
Andrea

URL: http://spazioinwind.libero.it/andrea_bosi/index.htm

Ogni oggetto ha la sua storia,
. . . io non vendo oggetti,
. . . . . . io racconto storie. (Enotria)

Avatar utente
Daniela Longo
Amministratore
Messaggi: 10635
Iscritto il: 22 nov 2007, 12:57
Nome: Daniela
Cognome: Longo
Residenza(Prov): Genova (GE)

Re: La lente d’acqua

Messaggio da Daniela Longo » 29 giu 2018, 17:59

Grande Andrea!!
E grazie per condividere con noi con tanta grazia e leggerezza un tuo momento di "stravolgimento" tutt'altro che trascurabile...

Daniela :fiori:
... vediamo un po’ come fiorisci,
come ti apri, di che colore hai i petali,
quanti pistilli hai, che trucchi usi
per spargere il tuo polline e ripeterti,
se hai fioritura languida o violenta,
che portamento prendi, dove inclini,
... (Patrizia Cavalli)

Avatar utente
adelina
Messaggi: 1517
Iscritto il: 11 gen 2008, 10:35
Nome: Adelina
Cognome: Alice
Residenza(Prov): Mele (GE)
Località: Mele (GE)

Re: La lente d’acqua

Messaggio da adelina » 29 giu 2018, 21:27

Ha ragione Daniela, sei veramente grande :applauso:
Continua a condividere con noi i tuoi momenti belli e anche quelli "brutti", questo spero faccia bene a noi e a te.
Adelina
Se ami un fiore, non coglierlo, perchè se lo cogli esso muore e smette di essere ciò che amavi: lascialo stare; amare non significa possedere, ma apprezzare (Osho Rajneesh)
Le foreste precedono i popoli, i deserti li seguono (F. R. de Chateaubriand)

Rispondi

Torna a “Gli strumenti del naturalista”