Urodela-Salamandridae: Salamandra lanzai Nascetti, Andreone, Capula & Bullini, 1988 - salamandra di Lanza

Rispondi
Avatar utente
seve
Messaggi: 1305
Iscritto il: 03 apr 2010, 21:16
Nome: Claudio
Cognome: Severini
Residenza(Prov): Torino (TO)
Località: Torre Pellice

Urodela-Salamandridae: Salamandra lanzai Nascetti, Andreone, Capula & Bullini, 1988 - salamandra di Lanza

Messaggio da seve » 05 apr 2016, 15:37

Salamandra lanzai Nascetti, Andreone, Capula & Bullini 1988
Urodela - Salamandridae
Salamandra di Lanza
(endemismo Alpi Cozie)
Bobbio Pellice (TO), 1400 m, ago 2005
foto di Claudio Severini

riordinando le vecchie fotografie è saltata fuori questa. La inserisco perché trattasi di un endemismo. Farò altre foto, anche se il genere, unito a quello dei serpenti, non mi ispira troppo...
Riporto stralcio di Wikipedia che riassume la specie

--È di color nero liquirizia. In passato è stata confusa con la Salamandra atra, diffusa nelle Alpi Orientali, da cui si distingue per caratteri morfologici e genetici. Tra i caratteri morfologici ricordiamo una maggiore lunghezza, la testa più larga e appiattita, la coda arrotondata sulla punta. Le dimensioni vanno da 12 a 20 cm
Endemica delle Alpi Cozie, si trova in particolare sul massiccio del Monviso, in val Germanasca, valle Po, val Pellice nella valle del Guil tra i 1200 e i 2600 metri di altitudine in boschi misti di latifoglie o conifere e praterie.
La scoperta e la descrizione di questa salamandra alpina alla fine degli anni ottanta fu uno degli eventi di maggior interesse per la zoologia italiana. La presenza di salamandre nere o alpine in diverse vallate attorno al Monviso era, di fatto, nota fin dal XIX secolo, ai tempi di Lorenzo Camerano e di Michele Lessona (zoologi all'Università di Torino), ma nessuno aveva compreso quanto quelle grosse salamandre lucide e nere fossero distinte dalle consorelle dell'arco alpino orientale (Salamandra atra). Da allora molte ricerche sono state condotte su Salamandra lanzai, che, a buon titolo, rappresenta un vero simbolo per gli endemismi delle Alpi Cozie. Da allora la sua presenza è stata confermata sul versante francese, mentre in Italia, oltre che nelle testate delle valli Po, Germanasca e Pellice, è stata recentemente trovata in alta Val Sangone.--
Allegati
salamandra.jpg
salamandra.jpg (159.78 KiB) Visto 1486 volte

Rispondi

Torna a “Anfibi”