Pagina 1 di 1

Melissa officinalis ssp a confronto

Inviato: 22 giu 2018, 17:37
da Catria
La ssp altissima di Melissa officinalis è ampiamente diffusa nelle Marche e il Monte Catria non fa eccezione, tuttavia nei dintorni del monastero di Fonte Avellana (680 m) si incontrano anche piccole popolazioni attribuibili alla ssp officinalis.
La prima segnalazione di questa presenza è di Aldo Brilli Cattarini (1958). Tale segnalazione non era altro che una conferma, perché nella stessa zona, circa un secolo prima, avevano trovato Melissa officinalis Antonio Federici (1840 ca.) e Filippo Parlatore (1866), i cui campioni (conservati presso l'Erbario Bertoloni e L'Erbario Centrale di Firenze) sono anch'essi attribuibili alla spp. officinalis.
Durante i miei giri sul Catria ho potuto ritrovare piante della ssp. officinalis sia nella zona indicata da Brilli Cattarini, sia in alcune stazioni non lontane da Fonte Avellana, quasi che il monastero fosse il punto centrale intorno a cui gravitano. Ma sempre nella stessa area si trovano facilmente anche numerose piante della ssp. altissima. La mia impressione è che queste ultime sembrano preferire ambienti più aperti, soleggiati e caldi, mentre le altre si trovano in zone più ombrose e fresche.
Per verificare se le condizioni ambientali possano influire sulla morfologia delle piante che vi crescono ho provato a coltivarne alcune prelevate nei dintorni del monastero, che mostravano i caratteri delle due ssp, in un unico vaso, in modo da azzerare l'eventuale influenza di ambienti diversi.

Melissa officinalis
Casalecchio di Reno (BO), 80 m, mar 2018
Foto di Franco Barbadoro

Re: Melissa officinalis ssp a confronto

Inviato: 22 giu 2018, 17:39
da Catria
Le prime foglie per quanto molto simili mostravano una leggera differenza nella pelosità della pagina inferiore

Melissa officinalis
Casalecchio di Reno (BO), 80 m, mar 2018
Foto di Franco Barbadoro

Re: Melissa officinalis ssp a confronto

Inviato: 22 giu 2018, 17:41
da Catria
La differenza di pelosità è diventata ancora più evidente nelle foglie delle piante mature

Melissa officinalis
Casalecchio di Reno (BO), 80 m, giu 2018
Foto di Franco Barbadoro

Re: Melissa officinalis ssp a confronto

Inviato: 22 giu 2018, 17:45
da Catria
In effetti il diverso indumento si nota con evidenza, oltre che nelle foglie, anche alla base dei fusti, tanto che al tatto quelli della ssp. altissima risultano ruvidi e scabri mentre quelli della ssp. officinalis sono lisci

Melissa officinalis
Casalecchio di Reno (BO), 80 m, giu 2018
Foto di Franco Barbadoro

Re: Melissa officinalis ssp a confronto

Inviato: 22 giu 2018, 17:47
da Catria
Anche il labbro superiore del calice mantiene il carattere discriminante classico

Melissa officinalis
Casalecchio di Reno (BO), 80 m, giu 2018
Foto di Franco Barbadoro

Re: Melissa officinalis ssp a confronto

Inviato: 22 giu 2018, 17:51
da Catria
Lo stesso odore risulta ben distinto: gradevolmente "limonoso" nella ssp. officinalis, più erbaceo nella ssp. altissima.
Purtroppo questa differenza non sono riuscito a fotografarla ...

Re: Melissa officinalis ssp a confronto

Inviato: 22 giu 2018, 19:59
da Servodio
Ottimo lavoro Franco!

Sergio :bye:

Re: Melissa officinalis ssp a confronto

Inviato: 28 giu 2018, 10:41
da Speleologo
Bellissimo lavoro, complimenti!

Una domanda: le proprietà officinali e curative sono le stesse nelle due erbe?

:bye: Carlo Alberto

Re: Melissa officinalis ssp a confronto

Inviato: 28 giu 2018, 20:59
da Catria
Speleologo ha scritto:
28 giu 2018, 10:41
Bellissimo lavoro, complimenti!

Una domanda: le proprietà officinali e curative sono le stesse nelle due erbe?

:bye: Carlo Alberto
Sulle proprietà non saprei , ho comunque intenzione di confrontare se le rispettive infusioni danno effetti "organoletticamente" diversi.
Grazie per i complimenti